Windows 3.1: un tuffo nel passato!

Oggi con voi voglio fare un vero e proprio tuffo nel passato. Vi voglio parlare del primo Windows (conosciuto) della storia, Windows 3.1, e voglio fare in modo che i più nostalgici ed i più curiosi possano utilizzarlo! Vi interessa? Continuate a leggere questo articolo!

Tu chiamale se vuoi… emozioni!

Erano i primi anni novanta quando, dopo mesi di estrema insistenza, riuscivo a convincere mio padre ad acquistare il mio primo personal computer che, oggi, chiamiamo semplicemente PC. L’informatica non era come la conosciamo oggi, i dvd erano pura fantascienza, le chiavette usb non esistevano. Al loro posto circolavano enormi floppy disk di cartone (che oggi non riuscirebbero a contenere nemmeno un mp3) e dei floppy di plastica dalla capienza di “ben” 1,4 MB (la grandezza di un’immagine scattata oggi con il peggiore degli smartphone) ed erano un’innovazione sensazionale.

Che tempi… i cartoni animati erano ancora in 2D e parlavano di buoni sentimenti, del muro di Berlino si stavano ancora raccogliendo le pietre, il cellulare era pura fantasia (per i comuni mortali), internet non esisteva e per cancellare un file eri costretto ad imparare righe di comando complicatissime che oggi utilizzano solo i programmatori. Quando si acquistava un PC ci si trovava di fronte a questa interfaccia:

MS-DOS il precursore di Windows 3.1
MS-DOS il precursore di Windows 3.1

Nient’altro. Eppure qualcosa si stava muovendo. Di lì a poco un semplice programma avrebbe cambiato non solo l’informatica, ma il mondo intero. Sto parlando di Windows 3.1, nella sua prima versione commerciale.

Ai tempi bisognava incrociare le dita per avere un sistema adeguato a supportarlo e non era come oggi che “tutto parte in automatico”. Assolutamente no! Per installare il programma era necessario procurarsi i 9 floppy disk in cui era partizionato l’installer e, una volta concluso il lavoro, per avviarlo si doveva scrivere run win.exe in quella finestra nera della foto sopra (MS-DOS). A pensarci ora sembra assurdo, ma era così!

Scopriamo Windows 3.1

Come dicevo, quella che voglio farvi provare oggi è l’ebbrezza di poter usare Windows 3.1 direttamente sul vostro PC di casa che, grazie a Jason Scott e ad un gruppo di volontari del sito archive.org, è disponibile ed utilizzabile semplicemente collegandosi a questo sito.

Avviare Windows 3.1
Avviare Windows 3.1

Sarà sufficiente premere sul pulsante centrale per avviare il programma direttamente dal vostro browser e ritrovarvi catapultati negli anni 90!

Interfaccia grafica di Windows 3.1
Interfaccia grafica di Windows 3.1

Una volta avviato il programma, per esplorarlo, basterà premere su un punto a caso dello schermo e il vostro browser vi segnalerà che il cursore del mouse verrà disabilitato. Date il consenso a questa operazione e, da questo momento, potrete vedere con i vostri occhi uno scorcio del passato. Giocare a solitario, campo minato, freecell ed hearts nelle loro primissime versioni. Creare disegnini con paintbrush, scrivere lettere con notepad o write e curiosare tutte le primitive grafiche di un tempo.

Giocare a Campo Minato su Windows 3.1
Giocare a Campo Minato su Windows 3.1

Utilizzo di Windows 3.1 via browser

Alcune note importanti. Per chiudere i programmi da voi aperti non troverete la classica crocetta in alto a destra, ma dovrete premere sul simbolo del menu in alto a sinistra e scegliere close.

Chiudere un applicazione su Windows 3.1
Chiudere un applicazione su Windows 3.1

Quando, invece, vi sarete stancati di utilizzare il vecchio sistema operativo, per tornare a comandare il vostro mouse e ritornare nel 2016 vi basterà premere esc sulla tastiera.

Conclusioni su Windows 3.1 via browser

Ho trovato il sito davvero simpatico; un modo per fare un tuffo nel passato ed osservare da vicino un reperto archeologico dell’informatica. Un’esperienza del tutto simile a quella di visitare un museo. Il sito è davvero ben programmato, semplice da usare e rispecchia fedelmente il software del tempo. Sicuramente da provare, anche per solo 10 minuti.

 
6 Kudos
Non ti
muovere!

Condividi il Post

  • Campo Minato… che ricordi!