Festival di Sanremo: 66 anni di musica italiana!

Inizia oggi la prima serata de “Il Festival della canzone italiana di Sanremo”, o più semplicemente conosciuto come Il Festival di Sanremo. Trasmesso in diretta su Rai 1 in TV, via radio su Radio 1 e Radio 2 e in streaming collegandosi al sito Rai.tv, per questa edizione del 2016 avrà come conduttore Carlo Conti supportato da Gabriel Garko, Virginia Raffaele e Madalina Ghenea. Quest’anno sono in programma cinque serate che si concluderanno con la finalissima di sabato 13 febbraio. Il format del programma è rimasto costante nel tempo, tanto da annoiare molto spesso i più giovani che a stento conoscono la manifestazione o non la seguono. Negli ultimi anni introduzioni di novità, come il televoto ed il fatto di mettere in gara artisti conosciuti in altri format televisivi, hanno permesso al Festival di acquistare una fetta di pubblico affezionata ai reality show rialzando lo share della trasmissione che aveva toccato il fondo nel 2008 (con il 36% di ascolti).

Locandina Festival di Sanremo
Locandina Festival di Sanremo, anno 2016

Volenti o nolenti, il Festival di Sanremo fa parte della cultura italiana e quest’anno verrà presentata la sessantaseiesima edizione consecutiva della gara di musica nostrana. È quasi del tutto impossibile che qualche vostro amico o collega di lavoro non ve ne parli, o magari non vi chieda informazioni su chi ha raggiunto la finale o chi è stato il vincitore.

Storia e curiosità de “Il Festival di Sanremo”

Il Festival di Sanremo nasce da un idea di Angelo Nicola Amato, direttore creativo del casinò di Sanremo, e Angelo Nizza, celebre per una famosa trasmissione radiofonica dei tempi. Al suo debutto al pubblico, il Festival, aveva solo tre partecipanti che accrebbero col passare degli anni. Quella del 1955 fu la prima edizione ad esser trasmessa in TV e fino al 1966 un cantante poteva essere in gara con più canzoni. L’edizione del 1967 viene ricordata soprattutto per il caso di suicidio del cantautore italiano Luigi Tenco, trovato morto nel suo camerino al termine della prima serata. La manifestazione si svolse nel teatro del Casinò fino al 1976, dall’anno successivo trovò la sua collocazione definitiva nel Teatro Ariston dove si svolge tutt’ora. Dal 1984 (ad eccezione dell’edizione 2004) il palinsesto si è ampliato introducendo la categoria Nuove Proposte, una competizione parallela a quella principale (dei Big) che decreta un vincitore a sé tra i cantanti meno conosciuti. Tutti i partecipanti della competizione ambiscono alla conquista del Leone di Sanremo, prestigioso riconoscimento per autori di musica leggera italiana. Durante le serate vengono distribuiti altri premi: tra i più importanti ricordiamo il Premio della critica, che dal 1996 è dedicato a Mia Martini e il Premio Volare per il miglior testo.

Gli “indimenticabili” vincitori del Festival (e le loro canzoni)

Negli anni si sono avvicendati 65 vincitori del Festival di Sanremo ma in pochi sono stati davvero “indimenticabili” tali da venir ricordati sino al giorno d’oggi. Vediamo quali sono le canzoni che hanno davvero segnato la storia di questa manifestazione e che, come minimo, avrete ascoltato almeno una volta (se cliccate sul titolo della canzone la potrete ascoltare su YouTube):

Critiche al Festival di Sanremo

Tutti gli anni sono state effettuate diverse critiche al Festival di Sanremo, dai soldi spesi della TV pubblica per ingaggiare artisti di fama internazionale come ospiti oppure al fatto che questa manifestazione non rappresenti la realtà di quella che è davvero la musica italiana (difficilmente si sono esibiti negli anni gruppi rappresentativi per la musica rock). Non voglio entrare in merito all’argomento, ma se ogni anno questo spettacolo tocca quasi il 50% degli ascolti di tutta la nazione non si può negare che, il festival, rimane a tutti gli effetti una delle più apprezzate manifestazioni musicali in Italia.

 
7 Kudos
Non ti
muovere!

Condividi il Post